“Pericolosi nelle contingenze belliche”. Internati veneti nei campi fascisti

“Pericolosi nelle contingenze belliche”

Internati veneti nei campi fascisti

1940-1943

 

Introduzione

A partire dalla pubblicazione curata da Simonetta Carolini dal titolo “Pericolosi nelle contingenze belliche”. Gli internati dal 1940 al 1943 (A.N.P.P.I.A., 1987), si riportano in questa pagina le informazioni sui veneti sottoposti a misure di restrizione e condotti nei campi di concentramento fascisti istituiti dopo l’entrata in guerra dell’Italia.

 

Elenco dei veneti internati nei campi fascisti tra il 1940 e il 1943

Sui 2711 internati oggetto del libro della Carolini, 2078 furono segnalati dalle prefetture. Per il Veneto risultano 70 nomi, così suddivisi in base alle province di appartenenza:

  • Venezia: 22
  • Padova: 11
  • Treviso: 11
  • Rovigo: 9
  • Vicenza: 8
  • Belluno: 6
  • Verona: 3.

In realtà il totale sale a 136 persone (il 5% del totale nazionale) se si considerano le decisioni o le segnalazioni che arrivavano anche da altri enti come la DEMORAZZA e il Ministero dell’Interno, le Questure e l’OVRA. Per 32 di loro non è disponibile il dato sull’autorità che aprì il relativo fascicolo.

Va detto che di questi 136, 7 erano nati all’estero, mentre di altri 3 non è riportato il luogo di nascita. Sono stati compresi nell’elenco dei veneti perché erano stati già internati in Veneto o segnalati dalle autorità del territorio. In altri 5 casi si tratta di persone nate in diverse città italiane, ma fermate in Veneto. Nel caso di Bruno Hudorovic, il legame con la regione è dovuto alla sua cattura avvenuta a Verona.

In totale le 136 persone individuate (di cui 3 donne) possono essere cosi suddivise a livello provinciale:

  • Venezia: 44 (2 donne)
  • Padova: 26
  • Vicenza: 18
  • Rovigo: 14
  • Verona: 14
  • Treviso: 13
  • Belluno: 7 (1 donna).

Per lo più si trattava di antifascisti ed in particolare di socialisti e comunisti, di persone che erano state all’estero o che avevano partecipato alla guerra spagnola, che avevano espresso opinioni contro la guerra, e tacciate di disfattismo, o contro il regime e il Duce . Non mancano i lavoratori impiegati in Germania (10 casi) che avevano mostrato segni di ribellione alle condizioni di lavoro e che erano stati rispediti in Italia per essere poi internati.  

 

Gli ebrei

Gli ebrei presenti nell’elenco della Carolini non erano stati segnalati solo in quanto tali, ma anche perché politicamente sospetti. Sappiamo, infatti, che mentre le misure di internamento nei campi o nei comuni erano riservate agli ebrei stranieri, il fascismo perseguitò e internò anche alcuni ebrei italiani a causa di atteggiamenti politici o semplicemente perché avevano espresso qualche parere non gradito al regime. Tra i nomi compaiono, però, anche tre ebrei stranieri, Drago e Leon Pinto e Davide Papo, già internati a Treviso, che furono allontanati perché non rispettavano le disposizioni relative all’internamento. In particolare superavano i confini del luogo di internamento, si spostavano nelle città vicine raggiungendo anche Venezia dove avevano conosciuto “distinte signorine del posto” con le quali avevano allacciato delle relazioni amorose. Lo scandalo che ne derivò spinse le autorità a trasferirli nel campo di concentramento di Alberobello, mentre le ragazze furono richiamate al rispetto del decoro e delle leggi razziali (cfr. Pietro virzi, Il campo di concentramento di Alberobello e dintorni dal 1940 al 1943, Book Sprint Edizioni, 2018). Tutti e tre, prima di finire ad Alberobello, furono spostati a Ferramonti di Tarsia. In realtà questo tipo di trasferimenti, di cui ci sono altri esempi nello stesso Veneto, non comportavano nessun mutamento nella condizione degli ebrei stranieri che continuavano ad essere degli internati, ma in un luogo quale quello dei campi di concentramento, dove la sorveglianza era più stretta e le condizioni generali peggiori rispetto a quelle dell’internamento nei comuni.

Sul totale di 2711 persone, 326 erano ebrei ossia il 12%. Sui 136 nomi relativi al Veneto, gli ebrei erano 29 equivalenti al 21,3%.

 

 

Elenco dei nomi (dati provvisori)

 

N.

Cognome e nomeProvincia di nascitaDati personaliPrefettura o altro Ente che ha aperto la pratica (con relativa data)CategoriaMotivazione

Note

1

Aboaf

Giacomo

VEVenezia, 30.05.1912

Cameriere. Figlio di Achille

Questura di Roma

12.10.1942

Ebreo; mobilitato civileHa manifestato una certa insofferenza alla disciplina durante l’esecuzione di lavori quale mobilitato civile

Fu impiegato presso l’impresa Di Penda per i lavori di sterro sul Tevere; fu internato nel campo di Pennabilli. Prosciolto il 16.03.1943.

2

Agnoletto

Adamo

PDPadova, 07.07.1901

Tipografo

N. d.Guerra di SpagnaIl 29.07.1943, al termine del confino inflittogli per la partecipazione di Spagna, trattenuto come internato.Liberato

il 06.08.1943

3Andriollo

Luigi

VEVenezia, 02.03.1903Ministero degli Interni

24.11.1942

Lavoratore in GermaniaEspulso per indisciplina.

4

Angeli

Tullio

PDPadova, 01.06.1876

Pubblicitario

MI

10.07.1940

Ebreo; ostile al regimeEbreo, è solito accompagnarsi a elementi ostili al regime con i quali critica il governo.Prosciolto

il 10.03.1941

5Armellin

Costante

TVTreviso, 12.03.1904

Commesso di negozio

TV

11.06.1940

ComunistaGià condannato dal TS

per attività comunista.

Commutata in ammonizione

il 24.03.1941

6

Baldini

Ida

VEVenezia, 20.02.1898

Casalinga- Coniugata con Furlanetto*

VE

Gennaio 1941

Francia; antifascistaIn Francia, dove era espatriata nel 1930, svolse intensa attività nel Fronte unico antifascista.Commutata in ammonizione nel giugno 1942.
7Ballarin

Mario

VEVenezia, 08.08.1906

Operaio

VE

30.06.1940

ComunistaComunista schedato, “svolge propaganda spicciola tra i compagni di lavoro nello stabilimento Breda”.

Prosciolto

il 21.12.1941

8

Banchieri

Giuseppe

BLFeltre, 05.10.1915

Tipografo

N. d.ComunistaConfinato per attività comunista nel 1935, a fine pena (19.01.1941) trattenuto come internato.Liberato

il 07.09.1943

9Barbato

Dario

VEMirano, 27.04.1917

Calzolaio

N. d.Vilipendio del regimeScontata una condanna inflittagli dal Tribunale Militare (è sotto le armi) per vilipendio del regime, nel 1940 viene internato.

Era ancora a Renicci Anghiari nell’agosto 1943

10

Barcaglioni

Raffaele

VEVenezia, 30.04.1913VE

26.10.1940

ComunistaSchedato come comunista.Evaso

il 03.03.1943

11Barducco

Pietro

ROFratta Polesine, 26.06.1900RO

15.07.1942

Attività antifascista all’estero

Liberato

il 22.08.1943

12

Baruchello

Tullio

ROCosta, 14.06.1892

Sarto

RO

27.07.1940

Discorsi disfattistiProsciolto

l’11.12.1940

13Beghini

Umberto

VRPescantina.

Commerciante

MI

06.09.1940

Disfattismo politico

Commutata in ammonizione

il 12.03.1941

14

Belcaro

Arturo

PDMonselice, 15.06.1891

Carrettiere

AL

15.01.1941

Offese al DuceDue persone compiangono alcuni muli della milizia fascista: “Se li lasciano all’aperto moriranno d freddo”, e il bel caro commenta: “Sarebbe meglio che morisse il loro padrone”.Prosciolto condizionalmente

il 1°.11.1942

15Benedetti

Bartolo

VRSant’Anna d’Alfaedo, 02.02.1898Consolato Italiano a Berlino

Novembre 1942

Lavoratore in GermaniaEspulso per indisciplina.

Prosciolto

il 10.04.1943

16

Benvenuto

Ruggero

VEMira, 14.03.1901

Cameriere

TV

28.06.1940

ComunistaCondannato dal TS nel 1928 per attività comunista, “incline a commenti antifascisti”.Prosciolto condizionalmente nell’aprile 1942
17Bertapelle

Umberto

VIPove del Grappa, 16.08.1902

Carrettiere

VI

20.09.1940

SovversivoManifestazione sovversiva: “Ostentatamente gira in maglione, fazzoletto e fiore e rosso”.

Commutata in ammonizione nel novembre 1940

18

Bertolo

Guglielmo

PDSanta Giustina in Colle, 06.06.1909

Manovale

NO

25.01.1942

Lavoratore in GermaniaEspulso dalla Germania per ammutinamento e istigazione dei compagni di lavoro allo sciopero.Liberato

alla fine di luglio del 1943

19Bocus

Mario

VEVenezia, 25.12.1901VE

28.06.1940

ComunistaComunista schedato, svolge propaganda nello stabilimento Azotati di Venezia, in cui lavora.

Liberato

nell’agosto del 1943

20

Bolognesi

Severino

ROStienta, 30.12.1895RO

23.12.1941

ComunistaComunista schedato, benché ammonito, mantiene contatti con altri compagni di fede. Già confinato nel 1933.Prosciolto condizionatamente nel dicembre 1942
21Bortoli

Malebranche Luigi

PDMontagnana, 27.12.1903N. d.Guerra di SpagnaConfinato nel 1941 per partecipazione alla guerra di Spagna, a fine pena (18.12.1942) trattenuto come internato.

Liberato

nell’agosto del 1943

22

Brazzarotto

Luigi

ROCosta, 27.01.1900RO

16.09.1940

Attività antifascista all’estero; guerra di SpagnaAttività antifascista all’estero dal 1925 e partecipazione alla guerra di Spagna.Liberato 

alla fine di agosto del 1943

23

Bruni

Adelio

VEVenezia, 29.05.1907Commissariato per le migrazioni e la colonizzazione interna**

22.09.1942

Lavoratore in GermaniaEspulso dalla Germania per “gravi atti di indisciplina”.

Prosciolto

nel marzo 1943

24Buscemi

Giovanna

VEVenezia,

29.11.1898

Scrittrice

PA

19.10.1940

Oppositrice“Acida, ipercritica del regime e delle direttive del governo in ordine agli internamenti degli stranieri”.

Prosciolto condizionalmente

il 04.11.1942

25

Camerino

Gino

VEVenezia, 05.01.1897Questura di Roma

Marzo 1941

Ebreo“Ebreo, dimostra nei suoi discorsi, un acido livore antifascista”Liberato

nel settembre 1943

26Cantoni

Raffaele

VEVenezia, 29.02.1896DEMORAZZA

Giugno 1940

EbreoAntifascista attivo da molti anni

Liberato nell’agosto 1943. Nuovamente arrestato il 29.11.1943, deportato con il convoglio del 06.12.1943 diretto ad Auschwitz. Si salva fuggendo dal treno in corsa nei pressi di Padova. Nel dicembre 1943 si rifugia in Svizzera dove continua a lavorare per la DELASEM

27Cattini

Gerolamo

VISchio, 22.04.1889

Operaio

GE

11.01.1943

Disfattista e antifascistaPropaganda disfattista e antifascista

Ancora internato

nell’agosto 1943

28

Cavallini

Silvio

PDAlbignasego, 06.08.1907

Operaio

PD

12.12.1942

ComunistaSchedato, ha svolto attività antifascista in Italia e all’esteroLiberato

il 14.08.1943

29Cesana

Emilio

VEVenezia, 14.12.1901.

Figlio di Luigi Cesana e Luigia Foà. Coniugato con Fernanda Berlinghieri.

GE

Giugno 1940

Ebreo“Ebreo, pericoloso nell’attuale momento”

Commutata in diffida nel novembre 1940. Nuovamente arrestato a Genova il 25.11.1944, viene deportato a Flossenbürg dal campo di Bolzano il 14.12.1944. Numero di matricola: 40044. Non è sopravvissuto alla Shoah.

30

Cesarin

Enrico

VEVenezia, 15.11.1903N.d.ComunistaGià deferito dal Tribunale Speciale nel 1928. Comunista, confinato dal 1940. A fine pena (07.06.1941) trattenuto come internato.Liberato

nell’agosto 1943

31Cevidali

Vittorio

CACagliari, 05.06.1914TV

Febbraio 1942

EbreoSospetto organizzatore di una festa da ballo, abolite dal regime “per tutta la durata della guerra”

Liberato

nel maggio 1942

32

Chieregato

Edo

ROBadia Polesine, 28.05.1895Ispettorato Generale della Pubblica Sicurezza di Milano

Giugno 1940

Antifascista“Noto per i suoi sentimenti antifascisti e anglofili”

Commutata in diffida nell’agosto 1940

33

Cipriani

Ferruccio

VRVerona, 09.08.1891VR

Agosto 1940

Contro la guerra“Sentimenti contrari alla guerra e alla Germania”Ricoverato in manicomio nel settembre 1942
34Codognotto

Ferdinando

VESan Donà di Piave, 10.03.1902VE

Ottobre 1940

AntifascistaAttività antifascista in Italia e all’estero

Liberato

nell’agosto 1943

35

Coen

Alberto Girolamo

VRVerona, 03.07.1891

Avvocato. Figlio di Giacomo Coen e Ida Ravenna

DEMORAZZA

Giugno 1940

 

EbreoRadiato in quanto ebreo dall’Albo degli avvocati. Contrario al regime

Prosciolto 24.08.1940. Arrestato a Tregnago (VR) nell’agosto 1944. Deportato il 24.10.1944 da Bolzano nel campo di sterminio di Auschwitz. Non è sopravvissuto alla Shoah.

36

Coen

Giuseppe

VR///

Figlio di Marcello

VR

10.07.1943

Ebreo“Di sentimenti antifascisti si mostra ostentatamente in pubblico con la sua amante, un’impiegata postale ariana la quale avrebbe dovuto sentire il dovere di indirizzare la sua condotta alle disposizioni vigenti in materia razziale ed a quei precetti morali che nelle condizioni attuali ogni donna deve sentirsi orgogliosa di osservare”

Il 19.08.2943 il provvedimento è revocato “data la mutata situazione politica”

37

Coen

Oscar

EsteroAlessandria d’Egitto, 28.07.1887

Figlio di Guglielmo Coen e Ester Salamon.

PD

Giugno 1940

EbreoEbreo “genericamente pericoloso perché i suoi movimenti sono difficilmente controllabili”

Prosciolto 03.04.1943

Arrestato a Padova il 20.11.1943, internato nel campo di concentramento provinciale di Vo’ Euganeo e deportato il 02.08.1944 da Verona nel campo di sterminio di Auschwitz. Non è sopravvissuto alla Shoah.

38Colombo AlbertoPDMOEbreo
39Consigli DanteROFIEbreo
40Contavalli GiovanniVEVEContro la guerra
41Curami PrimoBSPDSocialista – contro la guerra
42Da Gioz FrancescoBLBLAttività antifascista all’estero
43Dai Zovi LuigiVIVIFrancia – no chiamata armi
44Dalla Torre MarioVEGEEbreo
45Danese CarloVRN. d.N.d.
46Da Rif FeliceBLBLSpagna
47De Liguoro AlfonsoNAVEA favore dell’Inghilterra
48Del Prà LuigiVIVILavoratore in Germania
49Fabbiani FaonePDMIAntifascista
50Felisati FerdinandoROVEComunista
51FinziAldoVRRoma(originiebraiche)
52Folladore AlessioVIPDNonsano dimente
53Funes CesareVEN. d.Comunista
54Garofalo EliseoVRMOSovversivo
55Gasperi UmbertoVRVRLavoratore in Germania
56Gastaldelli FeliceVRLIA favore dell’Inghilterra
57Gervasoni GiovanniVEN. d.Antifascista
58Gheno DomenicoVIN. d.Comunista
59Ghidetti VittorioTVN. d.Comunista
60Giancarlo FrancoVETVEbreo
61Gidoni BonaventuraROROComunista
62Giorgio LuigiVEN. d.N.d.
63Guaraldo GiuseppeROROA favore dell’Inghilterra
64Hudorovic Bruno///TSCatturatoaVerona
65Jaffe ArmandoPDPDEbreo
66Karis GiuseppeTSVEZingaro
67Levi AlessandroVEFIEbreo
68Levi PaoloPDPDEbreo
69Levi Minzi GiorgioVEANEbreo
70Lionello EmilioVEVEAttività antifascista all’estero
71Marcato PietroPDN. d.Comunista
72Marchi BrunoRON. d.Politico
73Marchi LucianoVRN. d.Comunista
74Maroso GiordanoVIN. d.Spagna
75Mattiuzzi GermanoFranciaTVDenigrazione del regime all’estero
76Menon GiuseppePDPDContro la guerra
77Merlo Alessandro SantePDN. d.Politico
78Michelagnoli AlfredoFIVEComunista
79Minotto GiovanniVEGEN.d.
80Mocellin PietroVIN. d.Socialista
81Molon AlfredoVIVIAttività antifascista all’estero
82Monego MarioBLBLLavoratore in Germania
83Murgi MarioVEQuestura di RomaEbreo
84Ognibene GiovanniVEVELavoratore in Germania
85Olivieri BrunoPDN. d.Comunista
86Organo LodovicoGermaniaPDLegione straniera francese
87Ottolenghi GiorgioVEMIEbreo
88Papo DavideSarajevoTVEbreo straniero antifascista
89Parisatti OrazioPDGEOffesealDuce
90Pegoraro AntonioVIVIAttività antifascista all’estero
91Pelizzato PietroVEVEAttività antifascista all’estero
92Peron FrancescoPDN. d.N.d.
93Pinto DragoTravnikTVEbreo straniero
94Pinto LeoneTravnikTVEbreo straniero
95Polacco EmilianoVEGEEbreo
96Pontarollo TommasoVIN. d.Comunista
97Pradella GiovanniTVN. d.Politico
98Raise AntonioPDREComunista
99Ramina FrancescoVIVISovversivo
100Regini Agricolo///VEDisfattista
101Renier LuigiPDPDAttività antifascista all’estero
102Rezzara MarioVIVIDisfattista
103Rizzotto UbaldoVIN. d.Comunista
104Rondella AntonioROCOLavoratore in Germania
105Rossetto GiovanniTVTVComunista
106Rossetto Sante

di Giovanni

TVTVComunista
107Rossetto Sante

di Lorenzo

VEVEComunista
108Rossi FerruccioVEVEEbreo
109Rossi GinoROROAntifascista
110Rossi Pietro

di Giovanbattista

VEN. d.Antifascista
111Rui AntonioTVN. d.Politico
112Sacchi AlessandroTVPVComunista
113Saoner RomeoVEN. d.Politico
114Sartorati GirolamoPDN. d.Comunista
115Scarpa EmilioVEMIComunista; regista
116Scarparo PublioPDGEComunista
117Senigaglia AlfredoVRMIEbreo
118Simionato ValentinoVEVEAntifascista
119Sordon VirginioTVTVAttività antifascista all’estero
120Spiller AdrianoVIBZDisfattista
121Stefani GiuseppeVEN. d.Comunista
122Testor FerdinandoBLN. d.Comunista
123Tosarello EnnioRON. d.Politico
124Tosi AssuntoVRLIComunista
125Uberti GiovanniBLBLSocialista; disfattista
126Udine GuerrinoPDPDEbreo
127Venezia AlbertoSaloniccoVEEbreo; sionista
128Verocai FrancescaBLBLDisfattista
129Viotto DomenicoVIMIEx deputato socialista
130Vivante IacobVEVEEbreo
131Volpato AndreaVEN. d.Politico
132Zagato EttoreROROLavoratore in Germania
133Zambotto GiuseppeVIOVRA di BARIDisfattista
134Zammatto GiulioPDPDEbreo; disfattista
135Zanella RaimondoPDN. d.Politico
136Zorzi AquilinoVIVESpagna

 

* La storia di Ida Baldini è riportata in Martina Guerrini, Donne contro. Ribelli, sovversive, antifasciste nel Casellario Politico Centrale, Zero in condotta, 2013.

** Il Commissariato per le migrazioni e la colonizzazione interna era alle dipendenze del Ministero dei Lavori pubblici per poi essere collocato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Cfr. Stefano Gallo, Il Commissariato per le migrazioni e la colonizzazione interna (1930-1940). Per una storia della politica migratoria del fascismo, Foligno, Editoriale Umbra, 2015.

 

Translate »