Studenti e Partigiani. L’Università di Padova nella Resistenza

Studenti e Partigiani.
L’Università di Padova nella Resistenza

 

La ricerca presso l’Archivio dell’Università degli Studi di Padova è stata condotta tra gennaio e aprile 2022. Sono state consultate le buste del fondo Lauree ad honorem studenti caduti nella prima e seconda guerra mondiale ed in particolare la serie Laureati ad honorem studenti caduti per la Liberazione 1943 – 1945 (b. 18-32). All’interno della serie sono presenti anche la b. 26 che raccoglie i fascicoli degli Studenti richiamati e caduti nell’esercito repubblicano e la b. 27 relativa agli Studenti morti in seguito a incursione aerea o mitragliamento.

Accanto a questo fondo, sono stati consultati anche i fascicoli degli studenti dell’Archivio dell’Università degli Studi di Padova afferenti a Segreterie studenti e alle singole Facoltà. Si tratta ovviamente degli studenti partigiani laureatosi prima del periodo 1943-1945 o non ancora laureati ma che, non essendo caduti, hanno poi ripreso gli studi dopo la guerra.

L’obiettivo è quello di sintetizzare i documenti d’archivio al fine di fornire alcune informazioni sui partigiani prima nel loro percorso di studenti universitari e poi in quanto membri della Resistenza.

Per capire meglio il ruolo dell’Università di Padova nella Resistenza, cliccando qui è possibile leggere il discorso di Concetto Marchesi del 1943, la motivazione dell’assegnazione della medaglia d’oro alla stessa Università e il discorso tenuto dal prof. Enrico Opocher in occasione della cerimonia dell’8 febbraio 1964, “nel ventesimo anniversario dell’inaugurazione del 722° anno accademico”. Opocher, ordinario di Filosofia del Diritto e direttore dell’Istituto per la Storia della Resistenza nelle Tre Venezie, lesse il discorso in Aula Magna alla presenza del Presidente della Repubblica, Antonio Segni (si vedano le pp. 14-15 del documento presente qui).

A quella cerimonia furono invitate anche le famiglie degli studenti caduti per la Resistenza.

 

 

 

Cliccando sulle voci dedicate alle singole province, è possibile accedere ad alcune informazioni sugli studenti partigiani ricavate dai fascicoli personali conservati dall’Università di Padova.

Belluno     Padova     Rovigo     Treviso

Venezia     Verona     Vicenza

 

 

Nella foto di questa pagina è presente l’opera Resistenza e Liberazione di Jannis Kounellis, portico del cortile Nuovo di Palazzo Bo. Commissionata nel 1994, l’opera commemorativa fu inaugurata il 29 maggio del 1995.

ricordiamo che nei pressi dell’opera di Kounellis, si trova anche la lapide con i nomi dei 116 caduti dell’Università nella lotta al nazifascismo, di cui 107 studenti, e la scultura di Arturo Martini, Palinuro, la cui foto è utilizzata come immagine di questa sezione del sito sulla homepage.

 

Altre fonti

Sull’argomento si può consultare anche la tesi di laurea magistrale in Scienze Storiche di Giacomo Graziuso (relatrice la prof.ssa Giulia Albanese) dal titolo Gioventù e Università italiana tra fascismo e Resistenza: l’attribuzione delle lauree Honoris Causa nell’Archivio del Novecento dell’Università di Padova [1926 – 1956].

 

Translate »